Tre romanzi classici che non possono mancare nella tua libreria!

Quando si parla di romanzi classici si pensa, talvolta, a libri desueti, sorpassati, poco avvincenti e fin troppo lontani da noi. I classici, invece, possiedono un fascino immutato nel tempo, rivelandosi, in più occasioni, anche molto attuali. Ecco, ad esempio, tre titoli che non possono assolutamente mancare nelle vostre librerie e che, per vari motivi, vi coinvolgeranno, vi faranno riflettere e si insinueranno a forza nella classifica dei libri più belli che abbiate mai letto.

 

Jane Eyre, di Charlotte Brontë.

Jane Eyre è un caposaldo della letteratura classica di metà Ottocento. È una storia di formazione, ma anche una storia d’amore e di riscatto sociale. Nel romanzo è possibile riscontrare accentuate tematiche femministe, ma anche un ritorno ai valori più semplici e umili. Jane Eyre è quasi un’eroina dei giorni nostri, considerando il suo carattere indomito e anticonvenzionale, la sua forte voglia di indipendenza, la sua anima incapace di sottomettersi. La dicotomia tra sentimento e ragione è una delle caratteristiche più apprezzate della storia e ha contribuito a renderla, di fatto, un capolavoro di grande intensità. Le ambientazioni e le atmosfere virano anche al gotico, in linea con i tratti più misteriosi della trama, e questo è un altro dei motivi per cui il romanzo affascina tanto. Se siete alla ricerca di una storia senza tempo, romantica ma anche trascinante, Jane Eyre è la lettura perfetta.

Jane Eyre di Charlotte Bronte

 

Canto di Natale, di Charles Dickens.

Un altro pilastro della letteratura classica, davvero immancabile, è Charles Dickens. Le sue opere sono tante e tutte amatissime, ma il classico che consiglio a chiunque di leggere è Canto di Natale. È un breve racconto che fa riflettere sulle cose davvero importanti della vita, un’opera dal fascino eterno, profonda, divertente e commovente allo stesso tempo. Nell’opera di Dickens si nasconde una critica alla società del suo tempo che, come il protagonista Scrooge, era avara e ignorante e non si curava del bisogno altrui. Questa storia insegna a guardare il mondo con occhi diversi, a scrutarlo con generosità, sorrisi e benevolenza, perché nel rispetto – oltre che per se stessi – per gli altri, sta la vera ricchezza dell’essere umano.

Canto di Natale Charles Dickens

Piccole donne, di Louisa May Alcott.

L’ultimo classico che vi propongo è Piccole Donne, una storia da non sottovalutare o sminuire come libro prettamente femminile. Piccole Donne è un romanzo adatto a tutti e da leggere a qualsiasi età. Insieme alle quattro sorelle March affrontiamo i problemi del diventare grandi, le scelte ardue davanti cui la vita ci pone. Impariamo da ognuna di loro qualcosa di diverso: il coraggio, la spensieratezza, la responsabilità, l’altruismo. È uno di quei classici intramontabili, che hanno sempre da insegnare al lettore, uno di quei libri che più lo leggi più ti fa innamorare. È ricco di tematiche su cui riflettere, ma principalmente si sofferma su famiglia, affetti, condizione femminile e indipendenza. 

Piccole donne di Louisa May Alcott

Questi i tre classici che, secondo me, non dovrebbero mancare in nessuna libreria. Li avete letti? Cosa ne pensate?

romanzi classici, consigli della redazione di Ultime dai libri

Franci Karou, del blog Coffee&Books

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.